Ristoratori dal 1970

La storia

Fu nella primavera del 1970 che a Giovanni Ferrara, tornato a Bergamo dopo una visita a un amico, venne proposta la gestione del “Cristallo” –  un locale nello storico Borgo Santa Caterina. Entusiasta Giovanni, rientrato a Tramonti, paese della Costiera Amalfitana, propose alla moglie Filomena e ai figli di trasferirsi a Bergamo per iniziare una nuova avventura nella ristorazione.

La famiglia accettò con gioia.

Così Giovanni acquistò il locale in Borgo Santa Caterina, uno dei luoghi più frequentati e affascinanti della città. Per la nuova attività la famiglia Ferrara portò dalla terra natia personale specializzato e riuscì, con gli anni, a diventare un punto di riferimento nella ristorazione bergamasca e della vitalità operaia del Borgo.

Al ristorante venne dato il nome di “Vesuvio”, sia per ricordare le origini della famiglia sia per indicare la scelta di una cucina mediterranea di alta qualità. In poco tempo il Vesuvio divenne un locale frequentato e apprezzato dai bergamaschi.

Una svolta nella storia dell’attività avvenne negli anni ’90 quando la gestione del ristorante passò ai sei figli che, con determinazione ,continuano a portare avanti questa, ormai storica, esperienza.

Negli stessi anni i fratelli Ferrara rinnovarono l’aspetto del locale con la collaborazione dell’architetto Edoardo Milesi. Un rinnovamento apprezzato da molti e che è tuttora un elemento distintivo del locale.

Grazie a queste novità, visive e funzionali, il Vesuvio ha confermato la sua capacità di essere un’attività dinamica e coerente al progresso dell’intera città.

Sul finire degli anni ’90, la famiglia Ferrara, data la fortuna e la fama guadagnata dal Vesuvio, decise di acquistare il locale adiacente: una vasta e luminosa sala, ex sede della Caserma della Polizia Stradale.